Dal 15 giugno la Germania consentirà i viaggi verso l’Italia

Scritto da on 5 Giugno 2020

Dal 15 giugno la Germania consentirà i viaggi verso l’Italia

La Germania riaprirà i flussi turistici verso l’Italia, “orientativamente” a partire dal 15 giugno. Lo ha confermato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, nella conferenza stampa congiunta a Berlino con il collega tedesco Heiko Maas. Si tratta, ha detto Di Maio, di “una scelta di lealtà e trasparenza verso l’Italia che apprezziamo”. “Ritengo un grande gesto che il tuo primo viaggio all’estero dopo la pandemia di coronavirus ti abbia portato qui a Berlino. Mi sembra un bellissimo segnale, apprezzato non solo da me, ma anche dai cittadini in Germania” ha replicato il ministro degli Esteri tedesco.

La Svizzera riapre le frontiere alla Ue dal 15 giugno

Il 15 giugno la Svizzera solleva le restrizioni ai viaggi nei confronti di tutti i Paesi dell’Unione europea, ha reso noto il governo citando il miglioramento della situazione relativa all’epidemia di coronavirus. Il provvedimento includerà anche i viaggiatori provenienti da Liechtenstein, Norvegia, Gran Bretagna e Islanda.

Già a metà maggio il Dipartimento federale di giustizia e polizia aveva anticipato che i confini con l’Austria, la Germania e la Francia sarebbero stati completamenti riaperti il 15 giugno, d’intesa con le autorità dei Paesi interessati. Considerata l’attuale situazione epidemiologica, il 15 giugno sarà possibile revocare le attuali restrizioni d’entrata anche nei confronti degli altri Stati dell’Unione europea, Italia inclusa, e del Regno Unito, ha precisato il governo. Tra la Svizzera, l’Austria e la Germania le restrizioni d’entrata erano state allentate già lo scorso 16 maggio.

Francia: Covid sottocontrollo

Il presidente del comitato scientifico di Parigi incaricato di contribuire alla lotta al coronavirus, Jean-Francois Delfraissy ha dichiarato a radio France Inter che “il virus è ormai sottocontrollo nel Paese. Continua a circolare, in particolare, in alcune regioni ma circola a bassa velocità. Laddove registravamo decine di migliaia di casi, intorno agli 80 mila nuovi casi quotidiani a inizio marzo, oggi riteniamo di averne intorno ai mila”.

Mascherine, il nuovo problema dell’inquinamento

Sono indispensabili, richieste in tutto il mondo, obbligatorie contro il coronavirus. Ora però l’impatto ambientale di questi articoli monouso sta iniziando a farsi sentire.

Fonte: LaRepubblica


– RADIO RCS SICILIA –

Mai sentita una radio cosi'..

Current track
TITLE
ARTIST

Background