Kim Gordon, sul palco supero le mie paure

Scritto da on 16 Agosto 2021

Icona rock, come musicista, cantante, compositrice e cofondatrice con l’ex marito Thurston Moore dei Sonic Youth (‘implosi’ dopo la violenta rottura fra i due nel 2011) e poi con altri progetti sperimentali e il primo disco da solista nel 2018, ma anche artista visuale (fin da prima di diventare rocker) con esposizioni in vari musei, scrittrice, attrice e designer di moda. Kim Gordon ha sempre amato portare avanti più vite parallele nell’arte. Un mondo complesso che emerge in parte nella conversazione al Forum di cui è protagonista con l’amica scrittrice Rachel Kushner al Locarno Film Festival. “Il titolo dell’ultimo libro di Kim è No Icon ma lei lo è. Il suo approccio, arrivando dal mondo dell’arte e sfondando nel rock è stato molto innovativo e radicale. Per me lei è stata un modello – dice Rachel Kushner, autrice fra gli altri di I lanciafiamme e The Mars Room -. L’ammiravo da molto prima di conoscerla. Lei ha una maniera intuitiva e fluida di rispondere al mondo”. L’amicizia fra le due è nata “in maniera spontanea, dopo poco cercavamo di farci ridere a vicenda” aggiunge la rocker. Kim Gordon, che ha raccontato il suo percorso personale (fine del matrimonio inclusa) e artistico nell’autobiografia bestseller A girl in the band (2015) si reputa “una persona timida come altri performer – spiega – ma sul palco supero tutte le paure, sono calma e quando tutto va bene si può perdere anche la percezione del tempo e dello spazio, si va in una sorta di trance. Qualcosa che “succede anche quando crei in altre forme d’arte”. Esibirsi “è liberatorio, ti perdi nell’architettura del suono. Poi la tecnologia, in qualche modo ti fa sentire protetta. Io non sono una grande cantante, ma davanti a un microfono è come se diventassi un personaggio differente da me.
Ti puoi permettere anche di essere vulnerabile”.


– RADIO RCS SICILIA –

Mai sentita una radio cosi'..

Current track
TITLE
ARTIST

Background