Aiutiamo Marina e Brian che hanno perso casa e il comune di Roma non li aiuta. Portiamo alla ribalta questa vicenda condividendo il più possibile

Scritto da on 29 Gennaio 2020

Il Comune non paga il buono casa, Marina in strada con 4 figli

Marina ed i suoi figli sono finiti in mezzo alla strada perchè il Comune di Roma non gli ha rinnovato il buono casa. Il bimbo più piccolo è affetto da autismo: “Questa situazione lo ha traumatizzato”

La vita di Marina, 38 anni, madre di quattro figli, assomiglia a un’eterna corsa ad ostacoli. Appena il tempo di lasciarsene uno alle spalle, ed ecco che la sorte le mette di fronte nuove difficoltà.

È un logorio continuo, iniziato cinque anni fa con la perdita del lavoro. I soldi messi da parte finiscono presto. Non ci sono più risorse neppure per pagare le terapie del piccolo Brian, 4 anni, affetto da autismo, figuriamoci per l’affitto. Così arriva il primo sfratto.

L’occasione per rialzarsi è il buono casa erogato dal Comune di Roma, una misura di sostegno per le famiglie in emergenza abitativa (circa 12mila) alle prese con la sfiancante attesa di un alloggio popolare. L’amministrazione si fa carico del canone di locazione, la caparra e l’allaccio delle utenze. Marina ritrova la serenità. Ma è solamente un parentesi. Dopo appena due anni e mezzo, infatti, è costretta a fronteggiare l’ennesimo imprevisto.

“La proprietaria non pagava il mutuo – ricorda Marina – e quindi la banca le ha pignorato l’appartamento e siamo stati sfrattati per la seconda volta”. Marina deve ricominciare tutto da capo, ma non si perde d’animo. “Ci siamo immediatamente messi in moto – racconta Maria Vittoria Molinari, sindacalista di Asia Usb – per raccogliere la documentazione e chiedere la riattivazione del buono casa, ma qualcosa è andato storto”. Il Comune chiude i rubinetti. E Marina, che nel frattempo si è trasferita in una casa in via di Borghesiana, viene di nuovo messa alla porta. È il terzo sfratto in cinque anni. “Persino gli agenti che lo hanno eseguito – ricorda Marina – erano dispiaciuti per me, gli si leggeva nello sguardo”.

 

Guarda il video cliccando sul link qui sotto:

 

“Mi sono arrangiata chiedendo ospitalità a degli amici – spiega – perché l’unica soluzione che mi hanno prospettato è stata una casa famiglia”. Un’ipotesi che la donna non può nemmano prendere in considerazione, per il bene dei suoi figli che oggi hanno 12, 14 e 18 anni. In particolare del più piccolo, Brian. “È malato – dice con la voce rotta dalla commozione – e in casa famiglia si aggraverebbe”. Lei, che a fine mese mette insieme circa 400 euro, riesce a malapena a pagargli le cure. “I medici – spiega agitando i referti – dicono che avrebbe bisogno di fare venticinque ore di terapia a settimana, ma io me ne posso permettere solo due”. Ed i continui stravolgimenti a cui è stato sottoposto il bimbo lo hanno già segnato profondamente. “Brian è abitudinario, ci mette tempo prima di ambientarsi, solo dopo un anno – spiega – si era finalmente abituato a fare le scale di casa, i suoi progressi sono lenti e ogni cambiamento comporta una regressione”.

 

Marina è disperata: “Cosa aspettano? Che mi butto sotto alla metro?”, si sfoga. Maria Vittoria Molinari, che l’ha presa sotto la sua alla protettrice, invece, è indignata. “Abbiamo sollecitato con forza diversi incontri con il dipartimento Politiche abitative ma – denuncia – la volontà di risolvere il problema non c’è stata”. Una situazione assurda e dolorosa. Marina è una mamma in difficoltà a cui sono stati negati i diritti più elementari e persino la pietas. È un’invisibile. “Questo caso – ragiona la sindacalista – è l’emblema del fallimento delle politiche abitative del Comune di Roma e di come, in questa città, chi perde il lavoro non ha aiuto da parte di nessuno”.

pubblicato su: ilgiornale.it

 

 
 


Canzoni di Natale

canzoni e musiche natalizie

Current track
TITLE
ARTIST

Background
ISCRIVITI GRATIS AL NOSTRO CANALE YOUTUBE
video: oroscopo, almanacco, meteo italia, meteo sicilia, notiziario, politica, eventi, sport, notizie

ISCRIVITI GRATIS AL NOSTRO CANALE YOUTUBE
close-link