Domiciliari al carceriere del piccolo Di Matteo sciolto nell’acido a Palermo, per rischio Covid. Fsp Polizia: “Vergognoso, lo Stato cede dimenticando la barbarie della mafia e il dolore delle vittime

Scritto da on 7 Maggio 2020

il piccolo Giuseppe Di Matteo Sciolto nell’acido dalla mafia

Domiciliari al carceriere del piccolo Di Matteo sciolto nell’acido a Palermo, per rischio Covid. Fsp Polizia: “Vergognoso, lo Stato cede dimenticando la barbarie della mafia e il dolore delle vittime

 

E’ il duro commento di Valter Mazzetti alla notizia dell’ultima scarcerazione “eccellente”, questa volta dell’ergastolano Cataldo Franco, che si aggiunge alle altre venute alla ribalta delle cronache in queste settimane

 

“Apprendiamo dai media che l’ergastolano Cataldo Franco, originario di Gangi (Palermo) e condannato per il sequestro e l’omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo, ha ottenuto la detenzione domiciliare. L’inammissibile notizia si aggiunge a quelle di altre scarcerazioni di personaggi di alta caratura criminale anche di camorra e ‘ndrangheta avvenute in questi giorni, e accresce il senso di profonda vergogna che proviamo al cospetto delle vittime della barbarie della mafia, di fronte a cui lo Stato dimostra così di cedere”.E’ il duro commento di Valter Mazzetti, Segretario Generale dell’Fsp Polizia di Stato, alla notizia dell’ultima scarcerazione “eccellente”, questa volta dell’ergastolano Cataldo Franco, che si aggiunge alle altre venute alla ribalta delle cronache in queste settimane, fra cui l’altra altrettanto eclatante del boss di camorra Pasquale Zagaria.

“Proprio da servitori di uno Stato per il quale tanti di noi hanno perso la vita – aggiunge Mazzetti – non possiamo nascondere l’orrore per il messaggio devastante che sta passando, delle Istituzioni che abdicano al proprio ruolo di garanti della giustizia, dell’equità sociale, della sicurezza, del rispetto dovuto ai cittadini onesti. Condannati per reati talmente gravi non possono e non devono andare a casa. La mafia, oltre tutto, vive anche di simbolismi, e un assassino condannato all’ergastolo che esce è un assassino che si fa beffe della legge. La pena deve essere una certezza di fronte al massimo della riprovazione che lo Stato possa contestare. E’ indispensabile che il sistema metta in pratica ogni mezzo previsto per evitare uno scempio come la scarcerazione di un criminale, perché non c’è modo di far comprendere ai cittadini che chi ha preso parte al sequestro e al feroce omicidio di un bambino sciolto nell’acido può uscire di galera. E sinceramente non c’è modo per farlo digerire anche a noi che crediamo nella divisa perché crediamo nella missione di difendere i più deboli dalla violenza altrui”

Fonte: https://www.lanuovacalabria.it

 

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO CLICCA QUI 

CLICCA PLAY SULL’IMMAGINE PER VEDERE IL VIDEO


SEGUI QUESTO LINK:

SANTA CATERINA. “SEI IN PARADISO”. IL VESCOVO RUSSOTTO CELEBRA IL FUNERALE DI PADRE FILIPPO. IL VIDEO

 

 


Canzoni di Natale

canzoni e musiche natalizie

Current track
TITLE
ARTIST

Background
ISCRIVITI GRATIS AL NOSTRO CANALE YOUTUBE
video: oroscopo, almanacco, meteo italia, meteo sicilia, notiziario, politica, eventi, sport, notizie

ISCRIVITI GRATIS AL NOSTRO CANALE YOUTUBE
close-link